Charles Paterno, the man who invented the Christmas trees business

At Christmas, Windmill Farm became the biggest distribution center for Christmas trees in the whole state. The scene was unforgettable, especially when a thin layer of snow covered the land and the treetops. A long row of trucks, big American trucks, would load the trees, each one planted in a tin vase painted red and with a wooden plaque that read: “Children, I’m your Christmas tree. Take care of me, because if you do, I will grow bigger and stronger, just like you!” And then they would head out through the streets of the county, invading the houses of thousands of New Yorkers. Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Miranda: l’Ambasciata dei Sapori Lucani a Bruxelles

Forse un pezzetto del loro destino era scritto già in quel cognome che evoca atmosfere goldoniane di locande e locandiere. E la consuetudine familiare con i sapori e i saperi di una terra antica e ospitale li ha probabilmente guidati nelle loro scelte. Ma quel che è certo è che la storia di Maria Concetta e Alessandro Miranda, fratelli potentini doc con ascendenze calvellesi, ha poco in comune con lo stereotipo dell’emigrazione per bisogno e dei “cervelli in fuga”, per iscriversi invece nel capitolo delle sfide possibili in un mondo globalizzato nel quale le armi vincenti sono sempre di più le buone idee, la voglia di crederci, la sfida della qualità. Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Quando l’America chiuse le frontiere agli italiani

«Gli Italo-Americani che sostengono la linea del presidente Trump di tenere Musulmani e Messicani fuori degli USA dovrebbero guardare dentro la loro storia, e nel profondo del loro cuore».
Fa una certa impressione leggere questa affermazione forte e sicuramente non politically-correct sulle pagine dell’autorevole New York Times. L’ha scritta qualche giorno fa, in un articolo dal titolo “When America barred Italians”, Helene Stapinski, una giornalista di origine italiana, i cui bisnonni partirono nel 1892 da Bernalda, in provincia di Matera. Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

A cento anni dalla nascita di Decio Scardaccione, lo “zio” che cambiò la politica in Basilicata

Ci sono parole che l’antica cultura contadina usa con particolare attenzione, e che hanno la forza di svelarci con un solo termine un mondo di rapporti e di sentimenti. Una di queste parole è certamente “Zio”. Tre lettere che indicano familiarità e rispetto, soggezione e solidarietà, condivisione e affetto. Per i contadini lucani che l’hanno conosciuto ai tempi della riforma, per gli studenti dell’Università, per i cittadini della val d’Agri, e via via per tutti quelli che l’avrebbero incontrato, politici, amministratori, intellettuali, parlamentari, uomini di governo, Decio Scardaccione è stato sempre, semplicemente “zio Decio”. Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ricordato a New York Vito Marcantonio, un leader di sinistra nell’America della guerra fredda

Si sono dati appuntamento nel pomeriggio di domenica 28 agosto a New York sulla Broadway nella zona sud di Manhattan, davanti al parco della City Hall, proprio nel punto in cui, colpito da un improvviso malore, morì in un piovoso pomeriggio dell’agosto del 1954, Vito Marcantonio, l’indimenticato leader politico radicale di origini lucane. Con una cerimonia laica che si ripete ormai da qualche anno nei luoghi significativi della sua vita, si sono alternati al microfono docenti universitari, giornalisti, uomini di spettacolo, esponenti politici, attivisti di movimenti sociali che hanno dato vita da qualche anno al “Vito Marcantonio forum”, una associazione culturale che ha lo scopo di mantenere viva la memoria di questo esponente dell’area progressista della politica americana, la cui figura è ancora particolarmente viva nel ricordo dei tanti emigranti che affollarono le “Little Italy” di New York nel secolo scorso. Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento